.
Annunci online

  ITALIASVEGLIATI ITALIASVEGLIATI
 
Diario
 



19 luglio 2017

Il cittadino non capisce, se non è razzista, così ci diventa!

E’ certo che, se non sei razzista c’è il rischio che ci diventi quando leggi che, uno straniero avrebbe estratto un coltello, brandendolo minacciosamente e, bloccato dagli agenti di polizia, avrebbe quindi sferrato alcuni colpi nel tentativo di resistere all’arresto, e, al signore 31enne, il giudice ha ritenuto di dovere ordinare solo l’obbligo di firma (tre volte a settimana) per due reati, resistenza a pubblico ufficiale e minacce aggravate. Francesco Mangascià FONTE http://www.lastampa.it/2017/07/19/italia/cronache/scarcerato-il-migrante-che-ha-accoltellato-un-agente-a-milano-92Ihph4PZYs3iQEo71akfJ/pagina.html


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. razzismo giustizia lastampa.it

permalink | inviato da ITALIASVEGLIATI il 19/7/2017 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


6 agosto 2016

Olimpiadi, NO AL RAZZISMO, SI ESPELLA IL LIBANO DALLE OLIMPIADI

E’ inaccettabile, indecente e assolutamente barbaro il razzismo messo in atto, nel proscenio dell’apertura delle olimpiadi, dalla delegazione libanese, nei confronti della squadra olimpica rappresentante Israele, che si è rifiutata di condividere con gli atleti israeliani, l’autobus che li avrebbe portati al Maracanà per la cerimonia di apertura dei giochi. Un comportamento da espulsione, in toto, di tutta la squadra, un comportamento che non deve rimanere senza condanna, nonostante le untuose solite vecchie giustificazioni che la stampa nemica di Gerusalemme sicuramente accamperà come da antico antisemitico copione. Quei cedri, giunti in Brasile, devono imparare che il razzismo va respinto, devono introdurlo nella propria cultura. No al Razzismo. Il No al razzismo non si può dire solo quando fa comodo, l’intolleranza va condannata sempre, senza sconti vigliacchi. O meglio senza sconti antisemiti. L’antisemitismo non è un diritto da esercitare alle Olimpiadi! Francesco Mangascià


22 luglio 2016

Anche i cannibali, in Italia?

E’ da parecchio, tempo che alcune organizzazioni, o siti, adoperano i numeri per dimostrare matematica alla mano che in Italia siamo razzisti, una volta provano che sono di più gli stranieri senza casa che gli italiani, come se un italiano che ha una casa in Italia, sia razzista per il solo fatto di avere una casa, magari sua dopo 30 anni di mutuo, un’altra che gira è che sono più gli stranieri senza lavoro che gli italiani. Ma dove lo vedono tutta sta richiesta di lavoro? lo sanno solo loro dove. Io sinceramente chiederei a questi esegeti della matematica opinionista, magari all’ISTAT, di, mettendo da parte il politicamente corretto, approfondire tematicamente il razzismo sui numeri verificando su quanti siano i crimini commessi dagli stranieri, parlo di quelli che delinquono, in Italia e poi di confrontarne il numero con quello dei crimini commessi da italiani nei paesi d’origine dei criminali stranieri presenti nel nostro paese e sicuramente responsabili, con prove, di omicidi, stupri, cannibalismo, , traffico e furto di organi con espianto criminale, spaccio di droga e terrorismo. Quanti sono i reati di terrorismo commessi da italiani nei paesi arabi, in Pakistan,, in Bangladesh, nei territori palestinesi, in Asia o in tutta l’Africa, quanti sono gli stupri commessi da italiani nei paesi di cui sopra, quanti sono gli atti di cannibalismo, e il furto di organi con espianto criminale, commessi all’estero da cittadini italiani? Perché non si vuole capire che fare accettare con sentenze benevole, usare nella nostra giurisprudenza attenuanti etniche per tradizioni nel nostro paese inaccettabili, significa alimentare il fuoco del razzismo e spingere il paese verso una deriva razziale Le moschee abusive, sono illegali, ma anche il non chiuderle è illegale. Come minimo è un’omissione. Dunque, se dobbiamo accogliere liberiamoci di chi commette stupri atti di cannibalismo come la link, e dei terroristi. Francesco Mangascià UN ORRORE CHE NON FINISCE MAI - NEL CELLULARE DELLO SCAFISTA ERITREO ARRESTATO IN SUDAN ED ESTRADATO IN ITALIA, IMMAGINI DI CANNIBALISMO E CORPI SMEMBRATI. MIGLIAIA DI MIGRANTI UCCISI DAI TRAFFICANTI DI ORGANI: OGNI RENE RIVENDUTO IN EGITTO PER 15MILA DOLLARI http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/orrore-che-non-finisce-mai-cellulare-scafista-eritreo-129247.htm


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ISTAT RAZZISMO WWW.DAGOSPIA.COM

permalink | inviato da ITALIASVEGLIATI il 22/7/2016 alle 22:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 luglio 2016

NIZZA, GUERRA CULTURALE, MORTE AI TERRORISTI

Adesso si inizia a dire che, il mostro di Nizza, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, non era religioso era depresso perché stava divorziando. Come no. Ci credono tutti all’ennesime infami marchette messe in giro dai giornali. Poi si lamentano che non vendono più i giornali. Tentare un operazione di disturbo, verso la verità culturale che vede l’occidente genocidiato da terroristi di matrice islamica, vuol dire, senza dubbio, esserne complici ideologicamente. Assistere impotenti alle stragi di uomini, donne e bambini e rischiare addirittura di essere accusati e magari denunciati per razzismo, se uno si lamenta per le aggressioni subite da culture importate è veramente un crimine che dovrebbe essere perseguito a discapito dei mentitori accusanti. Qui, non si tratta più di essere o meno razzisti, qui si tratta solo di difendere o meno, la vita assieme alla nostra cultura occidentale perché è chiaro che davanti ai nostri occhi sui corpi delle vittime è scritta col sangue occidentale la frase guerra culturale, chi lo nega mente dunque o noi o loro. Non c’è mica bisogno di sporcarsi a odiarli questi razzisti assassini, basta ammazzarli. Morte ai terroristi. Francesco Mangascià


20 aprile 2009

Dopo Ginevra, l´alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Navy Pillay, se ne deve andare

A Ginevra, con tanto di benedizione di Benedetto XVI, un'ennesima dimostrazione di come  non permetteranno mai che si arrivi alla pace tra israeliani e palestinesi, e ciò è anche a causa di Abu Mazen che non ha lo spessore adatto e difendere la pace che dice di volere, è troppo piccolo per un processo del genere. Il problema vero, è che i palestinesi non hanno un vero leader che sia capace di trasportarli verso la pace i loro capi si accontentano di essere al comando e di gestire gli aiuti. Questa è la storia del popolo palestinese. Quello israeliano,  è invece un popolo che attraverso il sionismo costruì Israele, e realizzò quel sogno, non grazie alla Shoà come sostiene il nazista iraniano, ma bensì nonostante la shoà, poiché durante quell'orrore furono assassinati un terzo di tutti gli ebrei che esistevano prima dell'Olocausto.

Dopo la rappresentazione di Ahmadinejad a Ginevra, per dar ancora qualche credito alle Nazioni Unite, l´alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Navy Pillay, deve essere rimossa dalla carica che ricopre, a causa del disprezzo che aveva espresso nei confronti dei paesi che consapevoli di quanto sarebbe accaduto a Ginevra il  avevano deciso di non partecipare all'ennesimo esempio di antisemitismo mascherato da razzismo, definendoli una manciata di paesi, schierandosi nel suo ardore con quanto poi commesso dal Presidente iraniano, dimostrando di essere schierata contro. Avendo dato prova di non essere imparziale, non è più possibile per le Nazioni da lei insultate fidarsi di lei.Le Nazioni che lei ha disprezzato sono, oltreutto,  i maggiori contribuente del budget necessario alle Nazioni Unite per sopravvivere: è inaccettabile, in tempi di crisi economica,  seguitare a pagare delle enormità a un organismo dove c'è gente, come Navy Pillay, che svolge male il proprio incarico e come può ti oltraggia
Francesco Mangascià


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. razzismo israele ginevra ahmadinejad

permalink | inviato da ITALIASVEGLIATI il 20/4/2009 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 aprile 2009

Il 20 Aprile nacque Adolf Hitler, e il 20 Aprile a Ginevra si riuniscono gli antisemiti

 Ci vuole un bel coraggio a presenziare domani il 20 Aprile, data di nascita di Adolf Hitler,  alla conferenza sul razzismo a Ginevra, visto che  nella stessa data Israele commemora l’Olocausto, Yom ha Shoà. Nello stesso giorno, in cui Israele  si stringe allo  Yad Vashem di Gerusalemme mentre gli ebrei si raccolgono vicino a sei torce, una per ogni milione di ebrei uccisi, a Ginevra una riunione piena di antisemiti che, alcune organizzazioni come Human Rigth Watch, pretenderebbero di spacciare solo come un incontro per discutere di razzismo, reinizieranno come a Durban1 in Sudafrica, a oltraggiare Israele, gli ebrei, il sionismo,   contrabbandando gli attentati commessi da Hamas come azioni concernenti una lotta di liberazione. Nel politically corretc attuale gli assassinii di bambini. di donne. di vecchi, se ebrei,  hanno sempre una motivazione. Non è pertanto manco assordante il silenzio in merito del Pd, visto che,  sono i discendenti di quel Romano Prodi che, nel 2004  durante il semestre italiano mentre presiedeva la Commissione Europea, annullò il seminario sull’antisemitismo che doveva aver luogo a Bruxelles,  provocando una reazione indignata del Ministro degli Esteri Frattini, che giustamente espresse vivissima preoccupazione su quella decisione,orripilante,  definendola una preoccupante battuta di arresto per l’Europa. Meno male che Frattini è di nuovo alla Farnesina e meno male che Prodi è un uomo politicamente finito!
Francesco Mangascià


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. razzismo ginevra

permalink | inviato da ITALIASVEGLIATI il 19/4/2009 alle 21:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 febbraio 2008

ANTISEMITISMO ALLA RADIO DI STATO

  Sei ebreo?  No, non ho avuto questo onore!

Così Charlie Chaplin rispose al tedesco cui aveva mostrato i documenti durante le operazioni di espatrio, che dall’Europa lo avrebbero portato negli Stati Uniti d’America.


A fronte della black list sui professori ebrei, apparso su un blog in rete, anche noi rispondiamo così come Charlie Chaplin rispose 60 anni fa: NON ABBIAMO AVUTO L’ONORE DI ESSERE EBREI. Aggiungendo solo che se pur non siamo ebrei, ci consideriamo tali nell’infinità dello spazio che è di proprietà dello spirito e nel tempo che nella sua eternità appartiene all’anima.

 

Io pertanto sono ebreo fino all’ultimo respiro e che mi consideri tale vorrei tanto farlo sapere al GR2 (programma radiofonico della RAI) che nel suo notiziario radiofonico di domenica mattina, per dire agli ascoltatori che due bambini israeliani erano rimasti feriti a Sderot dal lancio dei Qassam ha molto premurosamente aggiunto che la morte di un comandante di un gruppo terroristico di hamas era dovuta ad un raid ebraico.

 

Sembra assurdo ma la radio di Stato ha definito un’operazione dell’esercito israeliano “raid ebraico”.

 

Io sarei fiero di essere ebreo, ma con tristezza di fronte a certe espressioni antisemite fatte dalla radio italiana, inizio a vergognarmi di essere italiano.

Francesco G. Mangascià

 

 


sfoglia     maggio        agosto
 

 rubriche

Diario

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

KRAV MAGA
controcorrente
Sionismo
importanzadeleparole
Marco Zetterin link per news sulla Ue
Su Israele
Wikileaks
Dealipedia
Wikinomics
L'eleganza
c'mon I'll take u 4 lunch
Salvavita-TOR
Manuale(Handbook) per-4- Bloggers e Cyber-Dissidents
Antonio
Ufficio d'informazione del Kurdistan in Italia
American Jewish Congress
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori
Emanule Ottolenghi
Paolo Borrello
Jonathan Pollard

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom