Blog: http://ITALIASVEGLIATI.ilcannocchiale.it

La Rai la Censura il politically correct mala tempora currunt

Ma tutta sta vicenda che vede il licenziamento di Paola Perego, 8speriamo che non la mettano su pira e poi la brucino come strega...) e la cancellazione di una trasmissione, Parliamone sabato, in cui è forte la provocazione sulle donne dell’est, serve a intronizzare il politically correct o piuttosto è l'ennesima manipolazione di una televisione di stato che oltre far propaganda gratuita, coi soldi di quelli che pagano il canone, ai politici seguita passare lo stipendio a dei dirigenti senza incarico, che se dirigono se non hanno incarico..., adesso si incorona come regina della moral comune; a me nonostante le lamentele non mi viene da riuscire a capire come si faccia a far tutto questo marasma, dopo che la televisione di stato ha trasmesso richieste da una parte di linciaggi castrazioni di stupratori e , dall’altra tolleranza su degli atti criminali da brivido: per chiuderla, per me che piaccia o meno quanto accade è censura, è un atto di censura orripilante, perché una persona è libera di pensarla come preferisce e, se c’è chi si offende, non deve far altro che cambiare canale. Tanto chi ci rimette è sempre il contribuente, che mentre sproloquiano o se autoincensano, deve continuare a pagare ciò che un certo Renzi aveva promesso di eliminare cioè il canone. Il tutto mentre questi fanno pure gli eroi della morale. Mala tempora currunt, con questi che ti dicono tanto comandiamo noi e facciamo come ci pare: fino a che comandi poi vedi dico e tanti altri. Via il Canone… Francesco Mangascià

Pubblicato il 21/3/2017 alle 7.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web